COMUNE DI PISA
giugno 22, 2016

Comune di Castelfranco

Oggetto: Dlgs 102/2014 e Dlgs 141/2016 Relazione tecnica di non fattibilità dell’adeguamento normativo agli obblighi di contabilizzazione del calore e termoregolazione.

L’ art. 5 comma 5 lettera b del Dlgs 141/2016 prevede la possibilità di sottrarsi all’ obbligo previsto dal decreto all’installazione dei ripartitori per la contabilizzazione del calore e delle valvole termostatiche per la regolazione da apporre sui corpi scaldanti. Il caso in esame ha riguardato un condominio di 23 unità immobiliari altamente energivore, costruito negli anni ’60, di otto piani fuori terra, completamente esposta ai venti dominanti con involucro edilizio altamente disperdente e presentante numerosi ponti termici. Anche la parte impiantistica presentava notevoli carenze essendo l’edificio dotato di un vetusto generatore a gas e da un impianto di distribuzione  colonne montanti a vista prive di isolamento oltre che da vecchi radiatori in ghisa e alluminio.

Una dettagliata relazione di calcolo, corredata di schemi e grafici riguardanti la fattibilità economica e il tempo di ritorno dell’investimento, otre che i costi di gestione prima e dopo l’intervento, ha in questo caso dimostrato l’assoluta inefficienza dell’intervento, con un risparmio energetico irrisorio, è tale da sconsigliare un intervento limitato alla sola termoregolazione del calore.